Pavimentazioni gallery

Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider

PAVIMENTAZIONI


Le pavimentazioni della casa richiedono innanzitutto un sopralluogo, effettuato gratuitamente da noi. La fase successiva è rappresentata dal preventivo, in base al quale il cliente può scegliere se, come e quando effettuare i lavori (di cambiamento o ristrutturazione del pavimento).

Una volta approvato ed accettato il preventivo, si passa alla posa in opera dei pavimenti. Quest’ultima necessita di un progetto elaborato “a più mani” dal responsabile della ditta e dal posatore. Step necessario per avere una pavimentazione valida ed adeguata, che tiene comunque conto delle preferenze espresse dal cliente.

I tipi di pavimenti
Le pavimentazioni tengono conto di 3 fattori fondamentali:

1. L’ambiente:

interno (bagno, cucina etc.)
esterno (terrazza, viale, ingresso etc.)

2. Il tipo di piastrelle e il materiale utilizzato:

gres porcellanato
parquet
mosaico

3. La caratteristica delle superfici:

ruvida
liscia
grezza

Più in generale, i progettisti e posatori devono garantire una posa in opera resistente, integra e duratura. Il nostro obiettivo è quello di consegnare un prodotto capace di abbinare estetica e funzionalità, attraverso l’utilizzo di tecniche acquisite in anni di lavoro.


Quali sono i costi relativi alla posa in opera dei pavimenti?

I costi per la posa in opera dei pavimenti variano a seconda del materiale scelto, ovvio che un parquet (sia classico che “prefinito”) è più veloce da montare quindi il costo per posa e lamatura è più basso rispetto al pavimento in marmo, che richiede invece un lavoro maggiore.

Durante la posa in opera dei pavimenti, nel momento in cui si mette a mano, è bene decidere se rinnovare o rimuovere e sostituire gli impianti, in particolar modo quello termo-idraulico. Per scavare delle tracce infatti è più facile operare a pavimento rimosso.

L’ultimo, ma non meno importante, consiglio per il cliente è quello di comprare più piastrelle del necessario (un numero giusto che sapremo consigliarvi). Queste andranno conservate nel tempo perché se un giorno sarete “costretti” a rompere il pavimento per un intervento di riparazione, queste potranno tornare utili, specie se non più in commercio. Avere qualche piastrella in più non vi obbligherà a sostituire l’intero pavimento.